«
»
Comunicati stampa del Senato
  • Luglio 2019

    • Venerdì 19

      «SOSTENIBILITÀ UNICA STRADA PER PRESERVARE IL FUTURO»: IL PRESIDENTE CASELLATI LANCIA IL CONCORSO "SENATO&AMBIENTE"

      «La sostenibilità è l'unica strada per preservare il futuro. E, come avevo promesso pubblicamente in occasione del convegno con Greta Thunberg sui cambiamenti climatici, ho deciso di avviare "Senato&Ambiente", un concorso rivolto alle scuole che punta a stimolare i ragazzi all'esercizio di una cittadinanza consapevole».
      Così il Presidente del Senato Elisabetta Casellati annuncia il lancio di un'iniziativa, in collaborazione con il Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca, che ha l'obiettivo di promuovere tra i giovani i valori della tutela e della sostenibilità ambientale.
      Alla fine del prossimo anno scolastico 2019-2020 saranno premiati le migliori idee e i migliori progetti a difesa dell'ambiente presentati dagli studenti delle scuole secondarie di secondo grado, e alle classi vincitrici verrà chiesto di redigere una risoluzione da presentare poi in Senato.
      «È un'iniziativa in linea con l'impegno che fin dall'inizio della mia Presidenza ho profuso in favore della tutela e della salvaguardia dei territori rispetto al rischio del dissesto idrogeologico» conclude il Presidente Casellati.

      Casellati: «Sbarco sulla Luna insegna che nessuna conquista è preclusa alle capacità dell'uomo»

      «L'uomo che sbarca sulla Luna non è stato solo una conquista aerospaziale e una vittoria della scienza e della tecnologia, ma è stato la riprova che l'unico orizzonte al quale il mondo non deve mai smettere di guardare è quello della speranza».

      Lo ha detto il Presidente del Senato Elisabetta Casellati chiudendo il convegno con il quale oggi il Senato ha voluto celebrare il 50esimo anniversario dell'allunaggio.

      Il Presidente Casellati ha aggiunto: «Quella notte in cui Neil Armstrong poggiando il piede sul suolo lunare pronunciò la frase "Un piccolo passo per l'uomo, un grande passo per l'umanità", fu la notte in cui sembrò che qualunque sfida potesse essere superata. E l'applauso che il mondo intero fece ai tre astronauti americani di Apollo 11, era in realtà un applauso verso le infinite capacità dell'uomo, verso l'incredibile combinazione di intelligenza, coraggio, determinazione e competenze che aveva reso possibile quel balzo tecnologico».

      «La conquista della Luna di mezzo secolo fa ci deve insegnare che quando la politica si allea alla scienza anche la fantasia può essere tradotta in realtà, ci deve ricordare che quando la politica si fa "ricerca del fare tutto ciò che è possibile" diventa uno strumento di infinita potenza» ha concluso.

      Anniversario strage Via D'Amelio: dichiarazione del Presidente Casellati

      «Libertà, giustizia, coraggio, rigore morale: ancora oggi, a 27 anni di distanza dalla strage di via D'Amelio, il ricordo degli ideali che animavano Paolo Borsellino e ai quali egli improntò tutta la sua vita privata e professionale, è vivo e pulsante nella memoria collettiva del Paese. Un segno indelebile dell'esempio che Borsellino ancora oggi incarna per tante generazioni di italiani».

      Lo dichiara il Presidente del Senato Elisabetta Casellati in occasione dell'anniversario dell'attentato di mafia nel quale, assieme al giudice Borsellino, persero la vita gli agenti Agostino Catalano, Walter Eddie Cosina, Vincenzo Li Muli, Emanuela Loi, Claudio Traina.

      Il Presidente Casellati aggiunge: «Ai familiari di Paolo Borsellino e degli uomini della sua scorta esprimo la mia vicinanza: il dovere delle istituzioni deve essere quello di sostenerli fino in fondo nella ricerca della verità assoluta dei fatti. Finché ciò non avverrà e finché le organizzazioni criminali non verranno definitivamente disarticolate e sconfitte, il loro ricordo non potrà mai dirsi davvero onorato».

      «È guardando a figure come Paolo Borsellino - conclude - che i magistrati e le istituzioni giudiziarie italiane possono e debbono attingere le energie per rinnovare ogni giorno il loro impegno in nome della giustizia e della legalità»

FINE PAGINA

vai a inizio pagina